Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Se vuoi saperne di più, consulta l'informativa

Contenuto principale della pagina Menu di navigazione Modulo di ricerca su uniPi

Dottorato in "Scienza del Farmaco e delle Sostanze Bioattive" - Bando 2018/19

Descrizione e obiettivi del corso

Il percorso formativo è fortemente indirizzato allo sviluppo di un progetto nel campo delle sostanze bioattive con particolare attenzione al farmaco e ai prodotti per la salute.

Gli argomenti su cui sviluppare un tale progetto di ricerca riguardano:

  • la ricerca di molecole bioattive attraverso progettazione razionale, sintesi o estrazione di principi attivi da sorgenti naturali;
  • la comprensione dei meccanismi biochimici, fisiologici e farmacologici con cui tali molecole agiscono;
  • lo studio delle formulazioni delle specialità medicinali;
  • lo sviluppo di tecniche per la valutazione dell’impatto che le sostanze bioattive hanno sull’uomo e l’ambiente.

Questo percorso formativo, caratterizzato da un tema centrale inerente lo studio di sostanze bioattive, accorpa in modo solido e coerente discipline e metodologie diverse, sia con riferimento a differenti aree CUN (03 e 05) che a specifiche aree ERC, sia del settore Life Sciences (LS1, LS3, LS7, LS9) che del Settore Physical Sciences and Engineering (PE3, PE5).

La natura delle ricerche svolte nel Dipartimento di Farmacia, sede di riferimento per il dottorato, è anch’essa a contenuto altamente interdisciplinare. Questo rende naturale l’esistenza di proficue collaborazioni fra i docenti del Dottorato e gruppi di ricerca nazionali ed internazionali afferenti a discipline diverse e, conseguentemente, i dottorandi sono fortemente stimolati a svolgere una parte del loro progetto presso altri gruppi di ricerca, preferibilmente stranieri.
Al fine di assicurare una corretta e completa formazione interdisciplinare, il Dottorato prevede anche:

  • cicli di lezioni generalmente di tipo monografico tenute sia da docenti del dottorato che da docenti esterni;
  • seminari tenuti da docenti di provata esperienza;
  • partecipazioni a scuole nazionali e internazionali indirizzate a studenti di dottorato

Linee di ricerca sulle quali si sviluppano progetti di ricerca

  • Disegno e sviluppo, anche mediante nuove metodologie sintetiche regio- e stereo-selettive, di nuovi candidati farmaci e diagnostici utili per il trattamento di patologie infiammatorie, cardiovascolari, degenerative, tumorali, metaboliche e psichiatriche.
  • Sviluppo di metodiche analitiche in ambito farmaceutico-tossicologico, cosmetico, nutraceutico e fitochimico.
  • Sintesi, caratterizzazione chimico fisica ed applicazione di liquidi ionici per lo sviluppo di processi chimici ecosostenibili o di nuovi materiali.
  • Sintesi di glicoconiugati ad elevata valenza biologica.
  • Progettazione, preparazione e caratterizzazione di formulazioni farmaceutiche da somministrare a livello oftalmico, cutaneo, ungueale e mucosale, e loro valutazione in vitro ed in vivo.
  • Sintesi e caratterizzazione di derivati del chitosano per la preparazione di nanosistemi adatti alla somministrazione oftalmica e orale di farmaci o prodotti nutraceutici.
  • Estrazione, isolamento e caratterizzazione di metaboliti secondari volatili e non-volatili da piante medicinali e alimentari di origine spontanea, coltivata e/o micropropagata. Studio della loro attività biofarmacologica.
  • Studi morfo-funzionali in vivo ed in vitro di modelli animali di patologie degenerative retiniche per lo sviluppo di approcci terapeutici innovativi.
  • Analisi proteomica per l'individuazione di biomarcatori e meccanismi molecolari coinvolti in processi patologici.
  • Recettori, signalling e regolazione del metabolismo nel differenziamento e nei processi vita/morte cellulari in stati fisiopatologici.
  • Studio dei canali del potassio e dei gas-trasmettitori nella regolazione della funzione cardio-vascolare.
  • Valutazione di nuove strategie terapeutiche, anche biotecnologiche, e di marcatori genomici e non-genomici in ambito tossicologico.